Too Cool for Internet Explorer

Un “trasloco” quanto mai tempestivo

23 giugno 2011 da Emilio Conti

Non è più una novità: tutti ormai sanno del passaggio del nostro sindaco Zucca tra le fila dell’UDC (Unione di Centro). Non sono a conoscenza dei motivi che hanno spinto il sindaco di Belgioioso a un simile passo, e sinceramente non mi interessa neanche tanto, ma noto che la tempestività è stata decisamente un colpo di fortuna.

Leggo oggi sulla stampa locale1 che, a seguito dei tagli statali, la scuola elementare perderà il tempo pieno, passando, le ore settimanali di lezione, da 40 a 27. Ovviamente preoccupazione più che giustificata da parte dei genitori, soprattutto di quelle famiglie in cui lavorano moglie e marito e non si hanno nonni su cui fare affidamento per la cura dei bambini.

Il nostro sindaco afferma che si potrebbe ricorrere al doposcuola, nei giorni lasciati scoperti, ma che sarà a pagamento, adducendo anch’egli a giustificazione i tagli del governo. Una scusa veramente puerile perché fu lui stesso a informarci, tramite il Vivi BELGIOIOSO, dei tagli che il Comune avrebbe subito (vedi il post Schizofrenia?). Il lamento attuale mi sembra, quindi, quanto meno fuori luogo.

Dov’è, però, la sua “fortuna” nell’essere passato all’UDC? Beh, immaginatevi a dover sostenere il taglio di politiche sociali come “socialista”. Ve lo immaginate un “socialista” contro il welfare?

E’ comunque scoraggiante sentire queste argomentazioni, perché, e non ce ne sarebbe alcun bisogno di ribadirlo, Amministrare significa fare delle scelte. Se la torta delle entrate si riduce bisognerebbe riposizionare la politica gestionale del Comune. Se si sceglie il Castello, se si sceglie la Città Giardino, se si sceglie il Belgioioso Festival, se si sceglie il trasporto locale, se si scelgono consulenze esterne, se si sceglie di mantenere le indennità di carica, è logico che si debba tagliare da qualche altra parte. Sono scelte più che logiche. Ma perché continuare a vergognarsene cercando di dare la colpa a qualcun altro? Gente con i cosiddetti “attributi”, viceversa, dovrebbe essere orgogliosa e, di fronte alle lamentele dei genitori, dichiarare: “Ma io vi ho dato il Castello! Il doposcuola per i vostri figli pagatevelo voi”.

  1. La Provincia PAVESE – “Belgioioso, il tempo pieno ora si paga” – Pag. 20 []

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.