Too Cool for Internet Explorer

Traffico pesante? Belgioioso non lo vuole più!

16 luglio 2012 da sgur_di_tri

In questi giorni abbiamo letto sulla stampa locale che l’Amministrazione comunale di Belgioioso, guidata dal Prof. Zucca, starebbe pensando di “regolamentare” il passaggio dei mezzi pesanti per la “Provinciale 234”, con uno stop di 4 ore in una fascia oraria ancora da definire!1

E, a quanto pare, l’argomento verrebbe portato in Giunta già la prossima settimana. Ovviamente questo passaggio istituzionale non basta assolutamente per rendere effettiva una simile decisione. Ci vuole ben altro!

Già in un nostro precedente post, dal titolo “Dalle parole ai fatti!”, scritto in occasione di un annuncio simile che lo stesso Prof. Zucca fece circa un anno e mezzo fa (in piena emergenza Ponte della Becca), mettevamo in evidenza tutta la complessità di un’operazione del genere.

Dovete sapere infatti che per poter limitare il traffico pesante nei centri abitati, ci si deve riferire a precise norme di legge che sono contenute nel Codice della Strada (Artt. 6 e 7) e nella Circolare n. 62 del Ministero dei Lavori Pubblici del 5 agosto 1993 (“Limitazioni della circolazione dei mezzi pesanti fuori ed in attraversamento dei centri abitati”, con cui vengono definite in modo puntuale le attività che, in questi casi, gli enti preposti (Prefetto, Sindaco ed Ente proprietario della strada) devono intraprendere.

E i problemi da affrontare, come potete capire, non sono pochi! Ricordiamone in sintesi alcuni: ricerca di percorsi alternativi, attenta verifica dell’impatto ambientale che si avrebbe sui comuni limitrofi, calcolo dei costi che graverebbero sul Comune di Belgioioso (predisposizione dell’apposita cartellonistica a tutti gli ingressi della città, definizione di adeguate aree di parcheggio, controllo costante della situazione da parte della Polizia locale, cabina di regia, ecc.), ripercussioni sulle attività economiche della zona (con un probabile aumento dei costi di trasporto delle merci), individuazione dei mezzi esentati dal divieto (forze armate, spurgo, ambulanze, mezzi da e per la città, ecc.), informativa alle autorità competenti (organi di Polizia, associazioni degli autotrasportatori, CCISS, radio), ecc..

Non solo, ma tenuto anche conto che, come si legge a pag. 2 della citata Circolare ministeriale, “le soluzioni dovranno essere concordate con le amministrazioni locali competenti, sentite anche le associazioni di categorie interessate”, c’è da chiedersi se i Comuni limitrofi accetteranno passivamente di vedersi scaricare addosso il traffico pesante che Belgioioso non vuole più!

Detto questo, credete veramente che si arriverà a decidere qualcosa, e passare così dalle parole ai fatti (come già dicevamo un anno e mezzo fa), oppure, come ormai siamo abituati a sentire, resterà il solito ennesimo annuncio? Staremo a vedere!

  1. Da La Provincia Pavese del 15.7.2012 – “Stop ai tir per 4 ore al giorno” []

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.