Too Cool for Internet Explorer

Che pena!

20 maggio 2016 da bsìa

La buonanima (politicamente parlando) del Silvio (B.) soleva ripetere che bisogna trattare il cittadino italiano come un bambino di undici anni. Dopo di che continuava a ripetere stratosferiche balle per centinaia di volte in base all’assunto che se ripeti una cazzata un’infinità di volte il suddetto cittadino (gonzo) finirà per prenderla per vera. Questi due approcci alla politica sono stati ampiamente praticati da sua_eccellentissima_ragionierità già da quando era “sindaco” del paesello e continua ad essere portata avanti. Che nel nostro paese ci sia ancora una bella massa (anche se in calo) di gonzi (bambini di undici anni per dirla alla Silvio) è un dato di fatto e, forse, sarà per questo che i nostri eroi continuano a cimentarsi nel reiterare le minchiate: bisogna non assottigliare ulteriormente la base gonza.

Prendiamo i due ultimi articoli apparsi sulla stampa locale1 nei quali ci viene ripropinata la favola che la maggior parte dei fondi che servono per i lavori di manutenzione del paese e per la ristrutturazione del mitologico maniero sarebbero, per la maggior parte, a fondo perduto o gentilmente offerti da terzi di cui però non siamo mai venuti a conoscenza dei nomi: che culo che abbiamo!

Che sia una puttanata, almeno per quanto riguarda la ristrutturazione del castello, lo possiamo facilmente dimostrare. Il nostro “stragiabüla” ha infatti affermato che l’ottanta per cento dei fondi sarebbero a fondo perduto (che siano o meno a fondo perduto non significa che non provengano da tassazione). Bene, se così è significa che il restante venti percento ce l’abbiamo messo noi. Orbene, fino a quando sgur_di_trì aveva il tempo per scrivere su questo blog aveva calcolato in più di quattro milioni di euro l’ammontare dei mutui sottoscritti per la ristrutturazione del castello. Ora, se quei quattro milioni (e passa) di euro (OTTO MILIARDI DELLE VECCHIE LIRE) rappresentano il venti percento del costo della ristrutturazione questo significa che il restante ottanta percento ammonterebbe a SEDICI MILIONI DI EURO (TRENTADUE MILIARDI DELLE VECCHIE LIRE) per un totale di VENTI MILIONI di euro!! 😯

Domanda: ma secondo voi i lavori che sono stati fatti in castello valgono 20 milioni di euro?

Forza gonzi, non avete ancora capito che Babbo Natale non esiste? Non vi accorgete che fate un po’ pena?

  1. Belgioioso, è scontro sui numeri di bilancio e sui costi del castello” del 15.05.2016 pag. 17 e “Strade, scuole e rete fognaria – Cantieri per 1,5 milioni di euro” del 17.05.2016 pag. 16 su La Provincia PAVESE []

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.