Too Cool for Internet Explorer

La pagliuzza

5 settembre 2009 da bsìa

Stavo quasi per avere una crisi mistica: io, fervente laico e schifosamente ateo, ero quasi giunto all’idea della conversione. 😳
Cos’è che ti ha così profondamente turbato?
La mail inviata a questo blog da sir Pollon a proposito dei cani. 😯 Come? Ritrovarmi sulla stessa linea dell’assessore? Condividere lo stesso punto di vista? 😯 Dovrò mica scusarmi con il prode cavaliere? 😯 Già l’idea di scusarmi mi ha mandato in uno stato di profonda prostrazione. :mrgreen: Di primo acchito ho pensato al suicidio. Ma poi mi sono chiesto: perché lasciare tutti i miei beni alla vedovella? 😈 Che poi, magari, se la spasserà alla grande con qualche superdotato! 😆 Da qui l’idea della conversione … solo che, in Italia, basta avere un po’ di pazienza e qualsiasi progetto, anche il più insano, viene ridimensionato. 😆

Sì, perché è bastato aspettare qualche giorno ed eccoci piombare tra capo e collo il favoloso “Palio delle Terre Viscontee”. 👿
Scusa, veh, ma cosa centra il palio con i cani?
Te lo dico subito! Nella sua mail1 l’assessore aveva dichiarato che, oltre a cazziare i padroni di cani, da tempo aveva ingaggiato battaglia anche contro il drago “affissione selvaggia”, vale a dire al malvezzo (uno dei tanti) di appendere manifesti in ogni dove, alla in_do_cojo_cojo. Altro argomento di sgomento, solo che, appunto, è arrivato il Palio organizzato da quel buontempone di ser Malinvern, gran cerimoniere e ciambellano di corte, nonché collega cavaliere di sir Pollon e, come lui, membro della gloriosa Tavola Imbandita, il quale, per pubblicizzare il “basso” evento (basso perché del basso pavese 😆 ) ha pensato bene di affiggere manifesti anche sui tetti (sa mai che passi il satellite di Google Earth), Alla faccia degli spazi dedicati alle affissioni. 👿 Si raccontano anche di episodi allucinanti che narrano del prode che tentava, di nascosto, di appiccicare i manifesti persino sulle spalle di inconsapevoli sudditi cercando di trasformarli in involontari “uomini sandwich”. 😯 Ma sir Pollon avrà lanciato il guanto di sfida e invitato alla singolar tenzone quel fellone del ser Malinvern, che così spudoratamente ha vanificato i suoi sforzi regolatori dando, col suo brutto esempio, adito alla plebe di infischiarsene degli editti del principe? Cavaliere non mangia cavaliere? 👿 Oppure vediamo sempre e solo la pagliuzza altrui?

PREMI E COTILLONS
Notizia dell’ultim’ora: le mie nanospie mi hanno informato che sua_munificenza ha scelto i nomi per le cosiddette “benemerenze civiche” tra i quali, udite udite, spicca, qual fulgido astro, quello di colei_che_non_vuole_essere_nominata_da_questo_blog. Che importa se altri cittadini, magari più meritevoli, sono stati segati: l’importante è pagare i debiti elettorali. In due anni due riconoscimenti di fila: i miei più vivi complimenti. 😥

P.S. LA TANGENZIALE NON LA FARANNO!!

  1. Vedi il post Cani e regolamenti []

Una risposta a “La pagliuzza”

  1. Emilio Conti dice:

    Dall’assessore Polloni ricevo la seguente precisazione:

    “Non si può dire che questa amministrazione abbia, o abbia avuto, il vizio di coprire il nostro e gli altri paesi pubblicizzando le sue manifestazioni in ogni dove e probabilmente se non ne avessi fatto cenno nessuno si sarebbe accorto di nulla, come non ci si è accorti che in questi anni un po’ di “pulizia” è stata fatta. Forse qualche volta non si è stati attenti. Non saprei dire. Di sicuro è successo per il palio. Ho già chiesto al collega Malinverni di fare ancora più attenzione per evitare che ciò si ripeta”.
    Flavio Polloni

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.