Too Cool for Internet Explorer

Avercene, di donne così!

16 aprile 2010 da Emilio Conti

Legge 194, le battaglie dei troppi conservatori1
di Marta Ghezzi

Avendo partecipato negli anni 70 alle battaglie per la legge 194 e per il referendum vincente successivo, speravo di non occuparmi più di questo problema, l’aborto, vista la mia età, immune da concepimenti involontari. Ho contribuito a fare consultori privati (Aed, Associazione educazione demografica) e ad accompagnare donne a Nizza e poi ho lavorato nei consultori pubblici dopo l’attuazione della legge 194 come assistente sociale.

Quello che mi indigna ora, alla mia tenera età, è la mancanza di memoria storica da parte di chi non ha partecipato alle nostre lotte e dà tutto per scontato. Mi indigna l’ipocrisia della Chiesa che non si è mai occupata seriamente di contraccezione e che è contraria persino al preservativo contro l’Aids in Africa, unico antidoto, e all’aborto a fronte di stupri, mentre tace e nasconde i peccati di pedofilia. Mi indigna l’ipocrisia della Lega che per calcoli politici boccia e boicotta la pillola del giorno dopo per ingraziarsi il Vaticano e perpetuare la misoginia e il patriarcato di chi pensa che la donna deve partorire e abortire con dolore.

Mi indigna l’ipocrisia del Popolo delle Libertà che si accanisce contro Ileana Inglardi che vuole morire in pace e contro Welby, stanco di soffrire e di tutti gli atei devoti che per meschini calcoli elettorali appoggiano Ruini, Bagnasco, Bertone e i cardinali.

Ora l’augurio è che proseguano le battaglie contro chi considera le donne solo dei contenitori, oggetti senza voce e senza potere, strumenti di piacere e vincenti solo grazie alla seduzione e alla maternità per chi se la può concedere.

  1. Nella rubrica LA VOCE DEI LETTORI de La Provincia PAVESE – 15.04.2010 []

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.