Too Cool for Internet Explorer

Chiariamo perché B. è stato condannato

2 settembre 2013 da Emilio Conti

Alcuni giorni fa mia moglie stava leggendo su un quotidiano le motivazioni, da poco rese note, della condanna in terzo grado confermata a Berlusconi. A un certo punto mi ha chiesto: “Io non sono molto esperta degli argomenti riportati, ma mi piacerebbe che mi spiegassi, in parole semplici, del perché Berlusconi è stato condannato. Ti confesso che non è che ci abbia capito molto.” E in effetti, per una persona che non ha una certa preparazione, può essere poco comprensibile cosa sia veramente successo. Pensando che nelle condizioni della mia consorte ci siano parecchie persone, anche tra gli elettori del Pdl, che non capendo bene il reato commesso poi finiscono per credere a tutte le stupidaggini che vengono loro propinate da chi ha tutto l’interesse a non far capire niente, spero di fare cosa gradita riportando di seguito  la spiegazione che ho fornito a mia moglie che, finalmente, è stata in grado di comprendere bene il nocciolo della questione.

Come è noto Berlusconi è stato condannato in via definitiva per frode fiscale e il meccanismo da lui ideato è stato il seguente. Immaginate una società che opera nella  televisione. Per poter trasmettere programmi (solitamente serial o film) che non ha prodotto in proprio, deve acquistare i diritti da chi questi programmi ha realizzato. Supponiamo che la società B sia quella che deve acquistare questi diritti e che la società M (di solito americana) sia la produttrice dei programmi i cui diritti devono essere venduti a B. Il modo corretto per svolgere l’operazione è quello di B che contatta direttamente M per accordarsi sul prezzo per l’acquisto dei diritti di trasmissione. In pratica una normale trattativa tra acquirente e venditore. Ma qual’è stato il modo scorretto alternativo?

Immaginate che la società B costituisca all’estero altre tre società da essa segretamente controllate, società che nell’esempio chiameremo B1, B2 e B3. Invece di trattare direttamente con M, B fa acquistare i diritti, ad esempio a 100, da B1 (B1 acquista i diritti da M al prezzo di 100). B1 paga 100 e poi rivende gli stessi identici diritti a B2 a 130. B2 fa la stessa cosa con B3 e li rivende a 160. Infine B3 vende a B i diritti al prezzo di 180. Il risultato finale di queste transazioni, essendo le tre società B1, B2 e B3 tutte controllate da B, è che B effettivamente sborsa 180 contro un costo reale di 100. La differenza tra 180 e 100, vale a dire 80, rimane all’estero presso le suddette B1, B2 e B3. In pratica, con questo stratagemma, vengono costituiti all’estero fondi neri per 80 che poi verranno utilizzati per le più varie operazioni, di solito operazioni per niente lecite, altrimenti non ci sarebbe bisogno di queste manovre. Il primo risultato, quindi, di questa operazione, è la costituzione di fondi neri.

Ma c’è un altro effetto, effetto per il quale Berlusconi è stato condannato, che è quello di far calare (fraudolentemente) l’utile della società e quindi di pagare meno tasse. Vediamo perché. Come è abbastanza intuibile, l’utile di una società, ma anche di un semplice esercizio commerciale (negozio), risulta (in soldoni) dalla differenza tra i costi sostenuti per svolgere la propria attività e i ricavi ottenuti. Supponiamo allora, per proseguire nell’esempio, che la società B abbia ricavato dalla trasmissione dei programmi di cui ha acquistato i diritti la somma di 220. L’utile lordo (vale a dire al lordo delle tasse) risultante è di 40 (ha “incassato” 220 e ha sostenuto un costo di 180, quindi 220 meno 180 = 40) e su questi 40 vengono calcolate le tasse da pagare. Ma se B avesse trattato direttamente con M (come solitamente si dovrebbe fare) avrebbe sostenuto un costo di 100, e non di 180, con la conseguenza che l’utile lordo sarebbe stato di 120 (220 meno 100 = 120) e non 40 e di conseguenza le tasse da pagare sarebbero state molto maggiori perché calcolate su 120 anziché su 40.

È per questo che si parla di frode e non di semplice evasione perché è stato provato che il meccanismo appena descritto è stato scientemente studiato e attuato da Berlusconi per  ottenere il risultato di pagare meno tasse (oltre che a costituire fondi neri all’estero, nonché falsificare il bilancio). Spero di essere stato chiaro e soprattutto utile.

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.