Too Cool for Internet Explorer

Evviva, evviva! Il Palio è nostro!

2 settembre 2010 da Emilio Conti

Caro Conti,
Di ritorno dalle ferie estive, il filigherese che lunedì 30 agosto si legge il noto quotidiano locale trova ben 3 notizione. La prima è che la compagine di Filighera si è aggiudicata il Palio delle Terre Viscontee, una grande vittoria. La cosa strana è che, nonostante il sindaco Pernice dichiari che
“è la prima volta che ci possiamo fregiare di un titolo così prestigioso”, a Filighera nessuno si sia accorto del palio. Quindi niente caroselli con le auto per le vie del paese, festeggiamenti o altre amenità. Sarà che non gliene frega niente alla gente di Filighera? Mah. Intanto il Sindaco prosegue dichiarando che il simbolo della vittoria verrà esposto nella sala consiliare del municipio. Immaginiamo già la fila di persone pronte ad ammirare il “prestigioso” palio visconteo, ricco di storia e tradizioni…

Le altre notizie, anche se certamente meno prestigiose del palio, sono invece un pò più inerenti al mondo reale. A nostro avviso un’amministrazione seria dovrebbe prima di tutto badare a queste cose anziché sprecare le già magre risorse con spese inutili come telefonini e relative salate bollette affidate ad assessori e sindaco o appunto manifestazioni che nulla portano al paese.

Una delle due riguarda un nuovo parco giochi per i bambini. Questa è senz’altro un’opera positiva. Si può forse eccepire sul fatto che la zona verde destinata si trovi a pochi passi dal cimitero, ma quantomeno è qualcosa di utile.

Si passa poi al capitolo pista ciclabile. Dopo vari squilli di tromba si concretizza finalmente la promessa elettorale principale di questa amministrazione con  ben 150 metri di asfalto. La cosa da dire, per chi non lo sapesse, è che comunque questi metri non andranno a coprire nemmeno un centimetro in più la distanza che ci separa attualmente da Belgioioso. La ciclabile, che esiste da anni, arriva infatti già fino al cartello di delimitazione del paese in direzione di Belgioioso. Il tratto che verrà aggiunto affiancherà il pezzo (tra l’altro anche questo già esistente) che unisce Filighera al suo cimitero dall’altro lato della carreggiata, quindi non riduce la distanza dal capoluogo visconteo. Dunque cosa cambia per i ciclisti o i cicloamatori? La parte più pericolosa rimane comunque incompleta e spetta, come ci ricorda il sindaco, a voi brüsacrist completarla. Sempre che ovviamente ne abbiate voglia.

Saluti
bridon

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.