Too Cool for Internet Explorer

Una brutta sensazione

6 ottobre 2009 da Emilio Conti

Sono le 20.15 mentre mi sto accingendo a scrivere questo post. Lo specifico perché vorrei lanciarmi in una previsione provocata da una brutta sensazione: e la sensazione è che la Corte Costituzionale non si pronuncerà contro il cosiddetto lodo Alfano. Perché:

  1. dichiaralo incostituzionale significa far fare una brutta figura (sbugiardare?) al Presidente della Repubblica che aveva firmato e promulgato la legge a tempo di record, dichiarando di averla attentamente valutata e che non ci sarebbero gli estremi della incostituzionalità;
  2. alcuni giudici della Consulta sono designati proprio dal Presidente della Repubblica;
  3. alcuni altri sono stati designati dal centro-destra:
  4. il gesto del Presidente della Camera Fini che, come si ricorderà, ha rinunciato al lodo per una causa intentata dal magistrato Woodcock e che è stato così calorosamente esaltato dalla stampa come una evidente presa di distanza da Berlusconi e dallo stesso lodo, ha accettato di farsi processare, in realtà il gesto è una palese conferma della validità dello stesso: come dire “Il lodo c’è, ma se qualcuno vuol farsi processare lo può fare. Quindi non è totalmente discriminante”;
  5. la famosa cena a casa di uno dei giudici a cui hanno partecipato, oltre ad un altro giudice, il presidente del consiglio e il ministro della giustizia.

Ovviamente mi auguro di prendere un granchio gigantesco.

P.S. Durante il TG2 delle ore 18.30 ho visto un servizio che riproponeva uno spezzone di intervista al Presidente del Senato Schifani. La trasmissione da cui è stato tratto credo, ma non ne sono sicuro, fosse Unomattina. Schifani ha fatto una dichiarazione che mi ha fatto sobbalzare sul divano: “Il governo lo scelgono i cittadini”.

FALSO!

L’Italia è “ancora” una repubblica PARLAMENTARE e i cittadini, tramite le elezioni, è il Parlamento che scelgono, NON IL GOVERNO! 1

  1. Detto dalla seconda carica dello Stato! 😳 []

Una risposta a “Una brutta sensazione”

  1. brain50 dice:

    Purtroppo il popolo italiano è poco attento a queste dichiarazioni estemporanee di queste eminenze grigie (di parte) della nostra politica ed alla fine credono in quanto viene loro detto.
    Peccato che la nostra Costituzione reciti tutt’altro. E’ comunque palesemente in atto un processo di svuotamento e di snaturalizzazione della nostra Costituzione e delle nostre basi parlamentari. A favore di chi e di che?????? A favore del potere del nostro bello dei belli che si dedica alle escort (puttane) le candida al parlamento europeo oppure ai comuni, ne parla come un vanto e quando scopre che ha ficcato le mani troppo a lungo e troppo in fondo nella spazzatura dice che chi parla di queste cose fa gossip………no comment……..

    P.S.: Gradevole un articolo della Provincia Pavese di alcuni giorni fa che si chiedeva come un uomo di 73 anni può credere che ragazze di mezzo secolo più giovani possano avere relazioni con lui perché “bello, focoso, aitante ecc. ecc.”……………Ci rimane sempre da vedere come potrà dimostrare in tribunale di non essere impotente.
    Personalmente della sua impotenza non me ne può fregar di meno ma vedere quali saranno le prove inconfutabili sulla sua virilità sarà veramente divertente e non solo per noi ma per tutto il mondo che non gli molla gli occhi di dosso.

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.