Too Cool for Internet Explorer

Una proposta costruttiva!

13 aprile 2011 da sgur_di_tri

Un inserto davvero speciale quello che i lettori de “La Provincia PAVESE” si sono trovati fra le mani qualche giorno fa: quattro pagine interamente dedicate a Belgioioso, da conservare gelosamente!

Un inserto per raccontarci come l’Amministrazione comunale di Belgioioso, sotto la guida del Prof. Zucca, stia puntando – così è scritto – sulla cultura e l’ambiente per il rilancio del territorio!

Quattro pagine fitte fitte che letteralmente travolgono il lettore con interviste, articoli, schemi, fotografie a colori, continui richiami alla storia (ormai i Visconti sono una costante!), un uso ricercato dei termini e dei concetti.

Vere “secchiate” di parole, quali: “politica di sviluppo”, “nuove esperienze di governance“, “partecipazione e reciprocità”, “progetti innovativi,” “collaborazione costruttiva e propositiva tra attori economici,” “fondamenta delle nostre radici culturali”, “identità”, “vivibilità”, “sviluppo endogeno”, “sviluppo sinergico”, e altro ancora!

Ma quello che più mi ha incuriosito è stato l’articolo intitolato “Belgioioso città giardino”, in cui si parla di un progetto chiamato “Un Castello per la sua città: recupero del Castello di Belgioioso, Villa Trespi e dei loro giardini” (con tanto di prospetto allegato), che, a quanto pare, verrà ufficialmente presentato il prossimo 14 aprile in Consiglio Comunale.

Il progetto avrebbe lo scopo – così è scritto – dicreare un percorso nella storia dell’Europa che parte dall’Orto parco del Medioevo per arrivare al giardino romantico e liberty di fine Ottocento/primi decenni del Novecento di Villa Trespi.

Non vi sembra già di viverlo questo percorso? Immaginate, per un attimo, di essere in primavera e di inoltrarvi in sentieri immersi nel verde, circondati da alberi in fiore e avvolti dal cinguettio degli uccellini che svolazzano intorno a voi ! Incantevole, non trovate?

Peccato però che, secondo me, ci si sia dimenticati di un particolare, e cioè che, dopo tanto camminare tra la natura, per giungere al giardino “romantico” di Villa Trespi si debba attraversare Viale Dante, dove si avrà modo di “incamerare” (e portarsi a casa gratuitamente!) una congrua dose di gas di scarico delle macchine in transito! Ah, malasorte!

———- @ @ @ ———-

Proposta costruttiva: per evitare ai turisti di attraversare viale Dante, e in attesa che venga realizzata la tangenziale, propongo la costruzione di un ampio sottopasso che dal fossato del Castello porti direttamente al giardino di Villa Trespi. Non è un’ideona?  Voi cosa ne pensate? Da questo momento è aperto il televoto!

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.