Too Cool for Internet Explorer

Sussurri

7 maggio 2008 da Emilio Conti

Sarà un post pieno si “se” e di omissioni (volute).

Avendo lavorato, prima della pensione, per un quindicennio a Corteolona in un importante istituto di credito ho maturato, in quel paese, molte conoscenze e amicizie. Per questo motivo un giorno alla settimana è dedicato “al caffè a Corteolona”, ovvero “scusa per fare un po’ di caciara al Baloon” e occasione per salutare, con piacere, tutti i conoscenti. Oggi era uno di quei giorni e parlando (ma sarebbe meglio dire “straparlando”) del più e del meno uno dei presenti (tengo a precisare, per i corteolonesi, che, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, NON si tratta del Tano) se ne esce con questo racconto.

“Sembra” che il sindaco di Corteolona abbia l’intenzione di concedere il permesso per la costruzione di una imponente logistica. Per poterlo fare, data la dimensione dell’opera, è obbligato dalla Regione a coinvolgere i sindaci dei comuni limitrofi (si dovrebbe chiamare Compartecipazione”).1 Pare che la riunione ci sia stata e che, ovviamente, tra gli altri sindaci ci fosse anche il nostro. Si racconta anche che Zucca, per dare il proprio assenso, abbia richiesto un bella contropartita, in termini monetari, da destinare alla costruzione della tangenziale a Belgioioso. Il motivo sacrosanto è che costruire un’altra logistica a Corteolona significa un ulteriore aumento del traffico pesante per le vie del nostro paese. Pare che il sindaco del comune limitrofo abbia risposto picche.

Questo è quanto mi è stato riferito e io lo propongo tale e quale. “Se”, però, il racconto corrisponde a verità, mi chiedo il motivo per cui questa importante notizia non sia sta data ai belgioiosini (oppure mi è sfuggita?) anche perché, a mio avviso, in questa occasione il nostro sindaco ha fatto benissimo a puntare i piedi. Ora è necessario che Zucca reagisca con azioni eclatanti perché, di fronte a queste reazioni, “sembra” (sempre secondo il racconto) che il sindaco di Corteolona stia già pensando di raggiungere lo stesso obiettivo aggirando l’ostacolo “compartecipazione”.

Mi piacerebbe saperne di più

  1. Questo viene fatto perché, giustamente, certe decisioni prese da un comune hanno inevitabili ripercussioni sui comuni limitrofi. Il termine tecnico di queste ripercussioni è “esternalità” []

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.