Too Cool for Internet Explorer

Tutto iniziò con una mail (conclusione)

6 settembre 2007 da Emilio Conti

Ecco la parte della mia mail del 12/2/2007 che non è stata pubblicata. Questa parte si trovava prima del paragrafo finale ovvero prima di “Per concludere: il sindaco e la giunta…, ecc” ed è la spiegazione del perché ritenevo, e ritengo tuttora, le motivazioni espresse nel volantino distribuito dal sindaco piuttosto discutibili. La sua mancata pubblicazione ha provocato una lettera di risposta andata completamente fuori bersaglio e contenente argomentazioni ancor più discutibili di quanto non fossero quelle del volantino.

 

Ora, non essendo credibile che questa manovra sia a somma zero (vale a dire che i mancati introiti derivanti dalla riduzione dell’I.C.I. siamo esattamente compensati dall’aumento dell’addizionale IRPEF) ma a somma positiva per il comune (gli introiti dell’addizionale IRPEF saranno senz’altro superiori alle mancate entrate dell’I.C.I.), quale sarà il risultato di questa manovra?
Che i proprietari di fabbricati e terreni (agricoli) avranno un sostanziale beneficio derivante dalla riduzione dell’I.C.I [. . .] Dal momento quindi che l’IRPEF la pagano tutti (pensionati, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, commercianti, ecc.), la manovra attua uno spostamento di tassazione dal patrimonio ai redditi con il bel risultato che chi [. . .] non è proprietario né di terreni né di fabbricati si troverà gravato di un ulteriore balzello senza poterlo parzialmente ammortizzare con la riduzione dell’I.C.I.

Ho la presunzione di ritenerla una argomentazione importante.

Emilio Conti

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.