Too Cool for Internet Explorer

Ex Dolma atto II

21 giugno 2008 da Emilio Conti

Fare previsioni, in questo paese, è più facile che bersi una birra. Ho il brutto vizio, però, di pensare che il pudore abbia ancora dimora in qualche politico, ma, ancora una volta, mi devo ricredere. La realtà supera sempre la fantasia.

Sono passati poco più di dieci giorni dalla redazione della mozione nella quale si dichiarava che “L’Amministrazione non intende accettare aziende o lavorazioni a rischio di danno ambientale”, che questo blog aveva salutato con piacere con il post Una buona notizia,  che oggi su La Provincia PAVESE appare un articolo da titolo “Belgioioso, ex Dolma: ancora scontro” in cui si può leggere che di fronte dell’iniziativa di Giulio Giuzzi, capogruppo di opposizione, che chiede il ritiro della delibera sul progetto di fattibilità, il nostro sindaco risponde (testualmente): “La maggioranza boccerà compatta la delibera della minoranza […]. Fra oggi e lunedì saremo in piazza a spiegare come stanno le cose. Rispondiamo così a chi vuole affossare Belgioioso, strumentalizzando la vicenda”.

Trovo questa dichiarazione, se è stata riportata fedelmente, maleducata, sfacciata, strafottente, boriosa e arrogante, indegna di una persona che si vanta, in ogni occasione. del proprio status accademico. Tipica del politico che si avvale dei meccanismi della legge elettorale per prendere decisioni, e non è la prima volta, che hanno ripercussioni sui cittadini fregandosene altamente di quale possa essere la loro opinione (oggi però c’è un’altra bellissima notizia: il Tar ha bloccato i lavori per l’ampliamento della base Usa a Vicenza proprio perché le decisioni sono state prese senza tener conto dell’opinione dei cittadini).

Alla fine del post sopra citato mettevo in guardia i miei compaesani e le opposizioni dalle manovre che sarebbero state intraprese dal sindaco. Adesso siamo nella fase del lavaggio del cervello. Dal momento che è stata riscontrata, tra i cittadini, una sostanziale mancanza di informazione in proposito (vedi l’articolo di Giovanni Scarpa dal titolo “Chimica alla Dolma? Belgioioso è indifferente” su La Provincia PAVESE del 7 giugno scorso e il post  Belgioioso – Italia) si fanno due giorni di volantinaggio per “educare”i disinformati.

Invito ancora una volta tutti i cittadini a vigilare attentamente, e soprattutto a non farsi circuire, e le opposizioni a non retrocedere di un centimetro, e a valutare la possibilità di indire un “referendum” sull’argomento. Mi piacerebbe anche conoscere l’opinione di Daidone Francesco  e di Fraschini che, se non ricordo male, avevano espresso “scetticismo” in proposito.

Ritornando alla questione del pudore, o meglio, della sua mancanza: sono passati solo quattordici giorni dal consiglio straordinario voluto dalle opposizioni. Qualcuno crede sempre alla buonafede (vero bsia?), io credo, invece, che la politica sia marcia.

Una risposta a “Ex Dolma atto II”

  1. bsìa dice:

    Intanto è incominciato il tormentone “I fetenti non vogliono i posti di lavoro”. Naturalmente tra i fetenti ci siamo anche noi. 🙂
    Al di là di questo, ha colpito anche me il tono della replica di Zucca (sempre se quanto riportato sul giornale corrisponda esattamente a quanto detto. Ma era virgolettato, perciò …). Può darsi che in quel momento avesse la “luna inversa” oppure, abituato come è stato ad avere un’opposizione piuttosto flebile, sia rimasto sorpreso che qualcuno incominci a fare sul serio, spiazzandolo e inducendolo a una risposta arrogante. A meno che non ci sia sotto dell’altro.
    Staremo a vedere.

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.