Too Cool for Internet Explorer

Bilancio di previsione di un Comune – Parte IV: riqualificazione

15 giugno 2010 da sgur_di_tri

Nel precedente post abbiamo inserito i Titoli delle Entrate e delle Uscite nel nostro schema di Bilancio di previsione.

Ora però, prima di proseguire, dobbiamo fare una premessa importante e cioè che il Dlg 77 del 25.2 1995 (e successive modifiche) impone alcuni principi, obbligando i Comuni ad uno specifico utilizzo delle Entrate, vale a dire che certe Entrate devono essere utilizzata per far fronte a determinate Spese e non ad altre. Vediamo quindi come si “collegano” le Entrate con le Uscite (Spese).

Le Entrate corrispondenti ai primi tre Titoli (il Titolo I: entrate tributarie, il Titolo II: entrate derivanti da trasferimento dallo Stato, Regioni e Province, ed il Titolo III: entrate extratributarie) devono essere impiegate per far fronte alle Uscite corrispondenti al Titolo I (Spese correnti) e a quelle del Titolo III (Spese per rimborso di mutui e prestiti).

Le Entrate imputate al Titolo IV (oneri di urbanizzazione, vendita di quote di patrimonio del Comune, ecc.) devono essere usate per finanziare il Titolo II delle Uscite (spese per investimenti). Se questi soldi non dovessero bastare, allora il Comune può ricorrere a mutui e prestiti (Titolo V delle Entrate).

Il Disavanzo di amministrazione è messo come prima voce delle Uscite perché deve trovare immediata ed idonea copertura. Mentre l’Avanzo di amministrazione l’abbiamo inserito insieme ai Titoli IV e V perché può essere utilizzato per Spese per investimento.

Ecco allora come si presenta il nostro schema di Bilancio di previsione, tenendo conto dei vincoli di legge di cui sopra.

Entrate Uscite

Titolo  I – Entrate tributarie

Titolo  II –  Entrate da trasferimenti (Stato, Regione, Provincia)

Titolo III – Entrate extratributarie

Disavanzo di amministrazione

Titolo I – Spese correnti

Titolo III – Spese per rimborso mutui e prestiti

Titolo IV – Entrate da alienazione immobili e trasferimento di capitali

Titolo V – Entrate derivanti da accensione di mutui e prestiti

Avanzo di amministrazione

Titolo II – Spese per investimenti
Titolo VI – Entrate da servizi per c.to terzi Titolo IV – Spese per servizi per c.to terzi

Nel prossimo post parleremo in maniera più approfondita delle Spese correnti, vale a dire delle spese destinate al funzionamento del Comune e dedicheremo anche qualche parola al Piano Esecutivo Gestionale (P.E.G.), cioè al documento che l’Amministrazione passa agli Uffici comunali per la normale gestione delle Entrate e delle Uscite indicate nel Bilancio di previsione.

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.