Too Cool for Internet Explorer

Cercasi logica disperatamente

13 giugno 2012 da Emilio Conti

Quante volte avete letto, su questo blog, che una delle caratteristiche che contraddistingue il politico italiano è l’assoluta mancanza di logica? Penso diverse. Ed oggi altra palese dimostrazione di quanto sia vera la nostra supposizione.

Ho recuperato, infatti, stamane il volantino della Lega Nord Sezione di Belgioioso (io l’ho visto oggi, ciò non significa che fosse stato distribuito nei giorni scorsi) dal rutilante titolo “IMPIANTO DI GASSIFICAZIONE: ADESSO PARLA LA LEGA …”.

Già quando ho letto il titolo le mani sono corse al basso ventre e, d’istinto, rivolto a mia moglie, ho esclamato: “Scommettiamo che sono d’accordo?”. E infatti … Ma il problema non è se uno, o più, è d’accordo oppure no: ognuno è libero di pensarla come crede. La cosa che proprio non va giù sono le motivazioni, il più delle volte assurde, che vengono portate a suffragare tale opinione. E il suddetto volantino della Lega rappresenta l’ennesima prova.1 Ecco qualche esempio.

“La Lega Nord di Belgioioso (…) prima di esprimersi in proposito (in merito all’annunciata costruzione della centrale a biomasse [N.d.R.]) e con la più corretta e serena onestà mentale (questa è bellissima) ha voluto acquisire informazioni “super partes” (notare l’uso delle virgolette) da tecnici esperti e qualificati in Regione Lombardia (…)”. Ma vogliono proprio prenderci in giro? Tecnici “super partes” in Regione Lombardia diretta da una coalizione Pdl-Lega? Sappiamo tutti che i tecnici di una certa amministrazione sono stati messi lì dai partiti, per cui mi sembra quanto meno assurdo definirli “super partes”. Ma bisognerebbe che qualcuno sapesse cosa significa “super partes”.

E più avanti: “Pertanto in linea di massima, essendo ancora in attesa di poter visionare il progetto effettivo, si sente di esprime il seguente parere: gli impianti funzionanti ad energie rinnovabili, se adeguatamente utilizzati, possono diventare un’opportunità per l’intera collettività”. Un esempio di ipocrisia simile era da tempo che non ne vedevo. In sostanza, loro sarebbero favorevoli a prescindere dall’aver presa visione del progetto (di cui ancora non si sa nulla), purché “adeguatamente utilizzati“. Al che fanno seguire la solita litania dei “sistemi di sicurezza”: chi li deve attuare?; delle “analisi periodiche”: chi le deve fare e, soprattutto pagare? Insomma, la solita menata dei controlli che in Italia non si fanno MAI!!

Ma la chiusa è strepitosa. “La Lega, inoltre, chiede pubblicamente a tutte le fazioni createsi e almeno ad Amministrazione Comunale e Minoranza Consiliare, di rendersi disponibili attraverso i propri tecnici ad un incontro/confronto congiunto organizzato dal movimento, per chiarire tutti i dubbi e per garantire ai cittadini l’informazione più corretta possibile attraverso un sano e pacifico contraddittorio tra esperti favorevoli e no.” A parte l’assurdità secondo la quale un cittadino assolutamente ignaro di tecnicismi e di ambiente, ascoltando chi è a favore e chi è contrario, dovrebbe ricevere un’informazione “la più corretta possibile”, c’è da chiedersi come mai un partito che ha fatto della “volontà del popolo padano” uno dei suoi cavalli di battaglia non si schieri a favore dell’esecuzione di un referendum in merito che, guarda caso, è esattamente quello che vuole il comitato per il NO! Visto e considerato che, per loro stessa ammissione, ci sono tecnici pro e tecnici contro, la soluzione più logica dovrebbe essere quella di far decidere ai cittadini.

Già, ma sarebbe “troppo” logico!

P.S. Chi si sia perso il volantino lo può visionare cliccando qui.

  1. A onor del vero la sezione di Belgioioso della Lega Nord ci ha abituati allo stupro della logica da parecchio tempo, in particolare dopo le ultime elezioni locali (vedi, ad esempio, il post di bsìa L’ignoranza imperversa) []

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.