Too Cool for Internet Explorer

Precisiamo: il mercato di Belgioioso non è visconteo!

13 settembre 2010 da sgur_di_tri

Ci risiamo! La politica dell’annuncio non muore mai! E allora riecco spuntare ancora il “mercato storico” di Belgioioso: se devo essere sincero ho perso il conto di quanti articoli sono apparsi sulla stampa locale con quest’argomento!

Così, anche stavolta, con buon anticipo1 ci viene annunciato che a fine settembre inizieranno i lavori di sistemazione di Piazza della Libertà dove, com’è noto, ogni lunedì mattina si svolge il mercato belgioiosino. Vedremo alla fine dei lavori se i soldi pubblici sono stati spesi bene!

C’è invece un altro aspetto che vorrei sottolineare, ed è il continuo richiamo al fatto che il mercato di Belgioioso abbia ottenuto il “riconoscimento” da parte della Regione Lombardia della qualifica di “mercato storico”, come se avesse finalmente avuto un’investitura ufficiale per chissà quali pregi finora ignorati.

Dobbiamo invece sapere che, quando sentiamo parlare di “mercato storico”, ci si riferisce ad un bando emesso nel febbraio 2009 dalla Regione Lombardia (Dgr. 20.02.2009 n. 8/8996) che effettivamente indicava quali erano i requisiti per ottenere la qualifica di “mercato storico”, ma con l’obiettivo primario di attivare un contributo finanziario a favore dei Comuni per migliorare le condizioni strutturali delle aree pubbliche destinate ai mercati.2

Per cui ai Comuni interessati è stato chiesto di inoltrare richiesta alla Regione e attendere!
Alla fine, su 1.546 Comuni della Lombardia, le domande pervenute sono state 91: di queste ne sono state accolte 86
3.

Le domande inoltrate dai Comuni pavesi invece sono state 8: tutte accolte (come si può vedere qui)! Ecco spiegato l’arcano dei “mercati storici” !

Al di là di tutto, dobbiamo comunque convenire che il mercato di Belgioioso ha una tradizione molto antica, che veramente si può far risalire al 1547. Una data che, per nostra grande fortuna, non si colloca negli anni del dominio dei Visconti nel Pavese (ma più di cento anni dopo), altrimenti nessuno ci avrebbe salvato dal … mercato visconteo! 🙁

  1. Vedi la Provincia Pavese del 9.09.2010 []
  2. Il contributo, a fondo perduto, della Regione Lombardia copre al massimo il 40% del valore dell’investimento ammesso e comprende interventi che vanno dalla pavimentazione alla delimitazione delle aree di mercato e dei posteggi, all’accessibilità, alla sicurezza delle aree stesse, alla logistica delle merci, dagli impianti per la raccolta dei rifiuti all’illuminazione e gli allacciamenti alle reti (elettrica, idrica e fognaria), ecc.. In tutta sincerità, tantissime perplessità mi sorgono sull’effettiva utilità della colonnina per la sicurezza da installare nella Piazza del mercato. []
  3. Tre Comuni hanno visto respingere la loro domanda, non avendo i requisiti, mentre due Comuni hanno rinunciato. Un secondo bando per l’assegnazione della qualifica di mercato storico è stato emesso dalla Regione Lombardia nell’aprile di quest’anno (D.d.u.o. 22.04.2010 n. 4055, e ha visto la partecipazione di 11 Comuni (10 sono stati ammessi) []

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.