Too Cool for Internet Explorer

Caro signor Luigi

3 gennaio 2016 da Emilio Conti

Chi segue il blog fin dai primi giorni della sua comparsa sa già che tra i suoi estimatori (anche molto critici) ce ne sono due, assolutamente anonimi, che intervengono inviandomi lettere (nell’era di Internet ricevere ancora lettere per me è un piacere). In verità affermare che sono due è sbagliato, perché ne è rimasto solo uno che si firma Luigi.

E il signor Luigi non è che scrive lettere perché non sa usare il PC: il PC lo sa usare molto bene visto che le missive sono scritte con un word processor! Evidentemente preferisce esprimersi alla vecchia maniera.

Devo dire che apprezzo molto le sue critiche (non sono affatto ironico) che, a volte, mi hanno evitato di fare figuracce con errori ortografici non degni neanche di studenti delle elementari. Vorrei, con questo post, rispondere alle critiche rivolteci (non sono solo io che scrivo sul blog) nella sua ultima lettera. Tre, in breve, le critiche: 1) aver abbandonato di commentare la “disonesta e allucinante” azione della nostra amministrazione; 2) non esserci occupati, come avevamo fatto in passato, della questione AVIS e 3) non infierire sul sindaco Rogato. Ma il tutto si può riassumere con un “il blog non è più quello di una volta” (mio riassunto, se ho ben letto tra le righe).

Inizio dalla “disonesta e allucinante” azione amministrativa del Comune. Forse sbaglio, ma credo di interpretare anche il pensiero dei miei collaboratori, ma continuare a ripetere le stesse cose porta allo sfinimento, anche perché non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere. E a Belgioioso di ciechi ce ne sono a vagonate. Credo che si debba commentare quando c’è qualcosa di nuovo perché continuare a ripetere che questa amministrazione sta sperperando e scialacquando a piè sospinto ormai non servirebbe sicuramente a convincere i suddetti ciechi. Dopo sette anni che abbiamo cercato di mettere sotto agli occhi dei cittadini quello che sta succedendo, vedere che non è servito a nulla, o quasi, può sfiancare anche un rinoceronte. Inoltre il mio sgur_di_trì, che era quello che andava a spulciarsi tutte le delibere e determine possibili e immaginabili, per sue ragioni personali ha smesso di collaborare con il blog e, dal momento che qui siamo tutti volontari, nessuno, men che meno il sottoscritto, può obbligare qualcuno a fare cose che non si sente di fare. Sto dicendo che è venuto a mancare un braccio fondamentale del blog. E il blog ne risente.

Per quanto riguarda la questione AVIS la taglio corta dicendo che “chi è causa del suo mal pianga sé stesso”. Quando mi sono permesso di levare una leggera critica (vedi il post La pubblicità è l’anima del commercio) ho ricevuto subito una lettera, anche se scritta a titolo personale, dal consigliere Attilio Clerici che si dichiarava “offeso” da quanto da noi scritto (vedi Avis di Belgioioso: una replica). Mi piacerebbe tanto, allora, che il sig. Attilio Clerici me ne inviasse un’altra per spiegare esattamente cos’è successo all’Avis. Gliela pubblicherei subito. Rigiro a Lei, Sig. Luigi, una domanda: perché appena uno riceve una critica reagisce immediatamente, mentre quando capitano cose ben più gravi tutto tace e si pretende che siano altri a sollevare questioni certamente più importanti?

Per quanto riguarda l’ultimo punto della lettera, vale a dire il mancato “infierire” sul sindaco Rogato, dirò subito che il verbo infierire non mi piace. Sul nostro sindaco vorrei rimandare a quanto a suo tempo scritto proprio da sgur_di_trì sul fatto che “cambiando l’ordine dei fattori il prodotto non cambia”. Sappiamo tutti che la pulzella conta come il due di picche a briscola e chi c’è dietro a tirare i fili. L’unica nota che potrei evidenziare è che, se quello che mi è stato riferito corrisponde al vero, questa signora va in giro a darsi delle arie che manco una cornamusa scozzese. Già vantarsi per qualcosa che si è ottenuto con le proprie forze non è certo esercizio di modestia. Vantarsi poi per meriti non propri, e sappiamo tutti di chi è il merito del suo essere sindaco, mi sembra un esercizio … non saprei neanch’io come definire. Infierire? Mah! Sicuramente la “cristiana pietà” non c’entra.

Il blog non è più quello di una volta? Vero! Perché allora non mi dà una mano Lei, Sig. Luigi?

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.