Too Cool for Internet Explorer

Cultura locale

1 febbraio 2010 da Emilio Conti

La cultura è imprescindibile dalla conoscenza, dal momento che la cultura viene definita come l’insieme delle conoscenze di un individuo. Quindi, conoscere per essere colti.

E’ pur vero che il termine “cultura” da solo risulta un po’ generico e va accompagnato da qualche aggettivo, per cui si può parlare di cultura generale, cultura specialistica, cultura artistica, ampia cultura, ecc. E, ovviamente, cultura locale, intesa come conoscenza del territorio e della sua storia.

Per quanto riguarda il nostro paese uno dei testi che andrebbe letto obbligatoriamente è la tesi di laurea della nostra compaesana, da non molto scomparsa, Luigia Suardi dal titolo “Belgioioso nel passato e nel presente” (reperibile qui).

Nell’anno appena trascorso abbiamo avuto la pubblicazione di un pregevole volume di fotografie (ma non solo) opera di Claudia Terna dal titolo “Belgioioso nel tempo” che ha riscosso un notevole, e meritato, successo.

Ma c’è anche chi da tempo, cinque anni, si preoccupa della storia del nostro paese e ce la fornisce a piccole dosi, ma in modo costante, forse per darci il tempo di assimilarle. Mi riferisco a Luigi Migliavacca con il suo giornalino “Belgioioso, Terra del Basso Pavese“. L’ultimo numero, dedicato al Giorno della memoria, è una vera e propria perla che ci ha permesso di conoscere storie di nostri compaesani durante il secondo conflitto mondiale ai più sconosciute (io stesso, che non sono più molto giovane, ero all’oscuro di queste vicende).

Un grazie a Gino Migliavacca per il suo impegno, che dovrebbe essere riconosciuto pubblicamente. Ma in questo triste periodo storico della nostra nazione, anche la cultura, per essere premiata, deve avere un’etichetta politica e un’etichetta che coincida con quella del potente di turno. Sappiamo tutti come si è schierato il Gino nelle ultime elezioni: perciò, per lui, niente riconoscimenti pubblici da parte di questa amministrazione (ma forse è meglio così). E’ triste constatare che l’onestà intellettuale è proprio una dote di cui gli uomini politici odierni sono sprovvisti.

Una risposta a “Cultura locale”

  1. sgur_di_tri dice:

    Ma come osi tu parlare di cultura a Belgioioso dove c’è la “summa” della cultura pavese (e non solo), in un paese dove a fare il Sindaco c’è un docente dell’Università degli Studi dell’Insubria? Ma come ti permetti! Se non premia queste opere un motivo ci sarà! Cribbio!

Lasciate un commento

Dovete effettuare il login per inserire un commento.